Ultima modifica: 12/10/2016

MERCATO UNICO DIGITALE PER L’EUROPA

Mercato unico digitale

Scarica qui la pubblicazione

Per l'anno 2016, la rete dei CDE si propone di sperimentare e approfondire una delle 10 priorità del Presidente Junker, legate alla nuova strategia per il Mercato Unico Digitale, che come previsto dalla Commissione nel documento COM (2015) 192 final, poggia su tre pilastri:

1. migliorare l'accesso online ai beni e servizi in tutta Europa per i consumatori e le imprese -questo implica l'eliminazione in tempi rapidi delle differenze fondamentali che separano il mondo online dal mondo offline, al fine di abbattere le barriere che bloccano l'attività attraverso le frontiere;
2. creare un contesto favorevole affinché le reti e i servizi digitali possano svilupparsi - questo implica la disponibilità di infrastrutture e di servizi contenutistici ad alta velocità protetti e affidabili, sostenuti da condizioni regolamentari propizie all'innovazione, agli investimenti, alla concorrenza leale e alla parità di condizioni;
3. massimizzare il potenziale di crescita dell'economia digitale europea - questo implica investimenti nelle infrastrutture e tecnologie delle TIC, come le nuvole informatiche (cloud computing) e i megadati (big data), ricerca e innovazione per rafforzare la competitività industriale e miglioramento dei servizi pubblici, dell'inclusione e delle competenze.

Progetto realizzato dai Centri di documentazione europea con il contributo della Rappresentanza della Commissione europea in Italia e con il sostegno delle Università e degli Istituti di ricerca in cui i centri hanno sede.

 

Obiettivi generali del progetto

  • Realizzare iniziative che promuovano la partecipazione diretta, il pensiero critico e l’interesse attivo dei giovani, dei cittadini europei e delle PMI su attività in essere o progetti che possano rilanciare l’economia europea attraverso il Mercato unico digitale
  •  Rafforzare la conoscenza del Mercato unico digitale che ha il potenziale di migliorare l'accesso all'informazione, portare a un aumento dell'efficienza in termini di costi di transizione ridotti, consumi dematerializzati e riduzione dell'impatto ambientale, nonché di introdurre modelli di business e amministrativi migliori.
  • Fornire esempi di buone prassi e progetti relativi al Mercato unico digitale affinché le reti digitali e i servizi innovativi possano sempre più svilupparsi
  • Favorire sinergie con le reti di informazione rivolte alle imprese e con gli uffici preposti in università, ad incentivare la ricerca di interesse sia per l’Università che per le aziende, gli enti e le altre realtà territo

Per ulteriori informazioni contattare la Coordinatrice nazionale della rete Magda Sanna magsanna@uniss.it o il Vice coordinatore Francesco Garza cde@unimi.it.

Calendario delle iniziative 




Bibliografia specializzata

Bibliografia specializzata Per una bibliografia specializzata su: Consiglio dell'UE, Consiglio Europeo e Segretariato del Consiglio, visita questo link http://ec.europa.eu/eclas/F/?local_base=ceu01&func=file&file_name=ceu-biblios-main

WIKI CDE, il Wiki dei Centri di Documentazione Europea italiani

WIKI CDE

Questo sito, strutturato in forma di wiki, è un progetto della Rete dei CDE italiani finalizzato a far conoscere al pubblico specifico dei Centri di documentazione europea le informazioni relative alle opportunità che l'Unione europea offre attraverso le sue reti di informazione. Obiettivo del progetto è, attraverso l'utilizzo di una piattaforma aperta e collaborativa, mettere a valore le competenze dei documentalisti dei Centri di documentazione europea italiani per offrire un servizio semplice e di utilizzo immediato per una prima scoperta delle risorse offerte dai CDE.

Il portale europeo della giustizia elettronica

Portale Europeo Giustizia Elettronica

Il portale europeo della giustizia elettronica: una risposta veloce alle domande dei cittadini. Il sito web aiuta a trovare risposte alle questioni giuridiche transnazionali che cittadini, imprese, avvocati e magistrati possono porsi e promuove la comprensione reciproca dei diversi sistemi giuridici, contribuendo alla creazione di uno spazio unico di giustizia. Con oltre 12 000 pagine di contenuti, la prima versione fornisce informazioni e link sulle leggi e sulle prassi di tutti gli Stati membri (ad esempio, informazioni sul patrocinio a spese dello Stato, sulla formazione giudiziaria e sulla videoconferenza, e link a banche dati giuridiche e a registri fallimentari e immobiliari online). Gli oltre 10 milioni di cittadini coinvolti ogni anno in procedimenti giudiziari transnazionali avranno ormai tutte le informazioni utili a portata di mano.