Università di Siena
Centro interdipartimentale di studi Università di Siena
       
     

    Il Regolamento

    Nelle more dell'applicazione dell'art. 17 dello Statuto (modificato ai sensi dell’Art. 2, commi 2 e 5, della Legge 30 dicembre 2010, n. 240. Emanato con D.R. n. 164/2012 del 7 febbraio 2012 pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 49 del 28 febbraio 2012), vista la delibera del Consiglio del Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature Antiche e Moderne” del 23 aprile 2013, raccogliendo l'esperienza del Centro Interdipartimentale di Studi Antropologici sulla Cultura Antica, attivo fino al 2012 presso l'Università degli Studi di Siena

    VIENE COSTITUITO

    il Centro dipartimentale di Ricerca “Antropologia e Mondo Antico” (Centro AMA), al fine di svolgere progetti di ricerca di durata pluriennale e di particolare rilevanza scientifica.
    Il Centro AMA ha sede amministrativa presso il Dipartimento di “Filologia e Critica delle Letterature Antiche e Moderne”.
    Di seguito il Regolamento che stabilisce i principi fondamentali per l'ordinamento e l'organizzazione di questa struttura di ricerca.
    Art. 1
    Costituzione e articolazione del Centro
    Presso l'Università di Siena è costituito il Centro dipartimentale di “Antropologia e Mondo Antico” (AMA). Sono promotori del suddetto Centro i professori Maurizio Bettini, Simone Beta, Carlo Brillante, Lucia Beltrami, Mario Lentano, Daniela Fausti, Francesca Mencacci, Donatella Puliga.

    Art. 2
    Obiettivi e finalità del Centro
    In particolare il Centro AMA viene costituito con le seguenti finalità:
    a) coordinare in prospettiva antropologica studi storici, archeologici, filologico-letterari, filosofici, semiotici sul mondo antico: sviluppando o mettendo in connessione ricerche sulla cultura materiale e sull'organizzazione sociale con studi sui modelli culturali, quali si ricavano dai testi e dalla documentazione archeologica e iconografica.
    b) coordinare in prospettiva antropologica studi sulla sopravvivenza e la riutilizzazione della classicità nella cultura successiva: promuovendo ricerche di carattere iconografico, storico-letterario ed erudito sul permanere di temi e soggetti classici nella cultura medievale, umanistica, rinascimentale, moderna.
    Allo scopo di favorire la circolazione di conoscenze ed esperienze di ricerca, il Centro promuove anche attività di collaborazione su temi ed argomenti conformi alle finalità del Centro. Tra queste attività si segnalano le seguenti:
    - cooperazione scientifica e didattica con altri Dipartimenti dell'Università di Siena e di altre Università, nonché con istituzioni scientifiche italiane o straniere;
    - promozione di convegni e seminari scientifici, di corsi di formazione e di aggiornamento, o di progetti di ricerca affidati a singoli ricercatori;
    - elaborazione di testi scientifici, divulgativi, e di sussidi didattici.

    Art. 3
    Finanziamento del Centro
    Al finanziamento del Centro si provvede mediante risorse finanziarie messe a disposizione del Dipartimento e l'utilizzazione di fondi specificamente assegnati al Centro o ai docenti che vi partecipano, da parte di Enti pubblici o privati, nonché di quelli del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) (previsti dall'art. 65 del D.P.R. 382/80); il Direttore è responsabile della gestione finanziaria e contabile del Centro. In particolare il Centro può disporre dei seguenti fondi:

    - contributi per il funzionamento erogati dalle strutture interessate
    - assegnazioni per attrezzature scientifiche
    - assegnazioni per la ricerca
    - contributi di Enti e di privati versati anche a titolo di liberalità
    - finanziamenti derivati da prestazioni a pagamento o da altro legittimo titolo
    - ogni altro contributo specificamente destinato per legge o per disposizione del Consiglio di Amministrazione all’attività del Centro

    Art. 4
    Risorse finanziarie
    La gestione amministrativo-contabile delle risorse finanziarie acquisite autonomamente dal Centro di Ricerca è affidata al Dipartimento sede amministrativa del Centro (Dipartimento di “Filologia e Critica delle Letteratura antiche e moderne” dell'Università di Siena). Presso il Centro è possibile usufruire di borse di studio e di contributi per la formazione erogati da Enti pubblici o privati, italiani e stranieri.

    Art. 5
    Adesioni al Centro
    Fanno parte del Centro i seguenti docenti e ricercatori del Dipartimento di “Filologia e critica delle letterature antiche e moderne” dell'Università di Siena:

    - Prof. Maurizio Bettini, Ordinario Filologia Classica
    - Prof. Alessandro Barchiesi, Ordinario di Lingua e Letteratura latina
    - Prof.ssa Lucia Beltrami, Ricercatore Lingua e Letteratura latina
    - Prof. Simone Beta, Ricercatore Filologia Classica
    - Prof. Marco Bettalli, Ordinario Storia Greca
    - Prof. Carlo Brillante, Ordinario Lingua e Letteratura Greca
    - Prof.ssa Daniela Fausti, Associato Lingua e Letteratura Greca
    - Prof. Stefano Marco Ferrucci, Associato di Storia Greca
    - Prof. Alessandro Fo, Ordinario Lingua e Letteratura Latina
    - Prof. Luca Graverini, Ricercatore Lingua e Letteratura Latina
    - Prof. Mario Lentano, Ricercatore Lingua e Letteratura Latina
    - Prof.ssa Francesca Mencacci, Ricercatore Filologia Classica
    - Prof.ssa Donatella Puliga, Ricercatore Lingua e Letteratura latina


    A titolo personale, inoltre, possono afferire al Centro docenti, appartenenti ad altri dipartimenti dell'Università di Siena o ad altre istituzioni italiane e straniere:


    Art. 6
    Organi
    Sono organi del Centro di Ricerca: il Comitato scientifico e il Direttore.

    Il Comitato scientifico
    Il Comitato scientifico è scelto tra i docenti aderenti al Centro, in numero tale da non superare sette unità; svolge funzioni deliberative in ordine alla programmazione e gestione delle attività istituzionali del Centro.

    Il Direttore
    Il Direttore è eletto, a maggioranza assoluta dei componenti, dal Comitato scientifico tra i professori aderenti al Centro. Il Direttore dura in carica tre anni e può essere rieletto. Egli svolge le seguenti funzioni: rappresenta il Centro, presiede e convoca le riunioni del Comitato, dà attuazione alle sue deliberazioni ed è responsabile del funzionamento del Centro.

    In caso di assenza o temporaneo impedimento, il Direttore può essere sostituito da un membro del Comitato scientifico da lui stesso designato.

    Art. 7
    Relazione annuale
    Il Centro di ricerca attiva forme di rendicontazione annuale delle attività compiute, relazionando in proposito al Dipartimento. Assume altresì iniziative volte al reperimento di fondi esterni per finanziare le attività di ricerca.
     

    Art. 8
    Personale e risorse
    Il Centro può avvalersi, per attività di studio o di ricerca su argomenti congruenti con le finalità del Centro, di studiosi italiani e stranieri, ricercatori ed esperti esterni. Contribuiscono alle funzioni del Centro unità di personale tecnico e amministrativo attribuiti al Dipartimento ex art. 8 del Regolamento delle Strutture Scientifiche e Didattiche DR n. 890 del 22 giugno 2012.


    Siena, Giugno 2013