UniversitÓ di Siena
Centro interdipartimentale di studi UniversitÓ di Siena
   
     

    Diritto Romano e Antropologia del Mondo Antico - Progetto con l’UniversitÓ del Sannio

    A partire dal 2014 il Centro di "Antropologia del Mondo Antico" dell’UniversitÓ di Siena ha avviato una proficua collaborazione con l’UniversitÓ del Sannio su “Diritto romano e antropologia del mondo antico”.
    Gli studi sulla cultura romana si limitano spesso ad approfondire il ruolo della letteratura e dell’arte, dimenticando il ruolo svolto dal ius: eppure a Roma il diritto costituisce una forma mentis che struttura il tempo, lo spazio, il linguaggio retorico, la letteratura, l’iconografia, le emozioni stesse. Non a caso nello scrivere la propria storia i Romani l’hanno intrecciata inestricabilmente al źdiritto╗, di cui per exempla ribadiscono importanza e prevalenza sulle altre forme di sapere e comunicazione. L’antropologia pu˛ offrire un contributo grandissimo allo studio del diritto romano. In molti casi la storia non Ŕ sufficiente a fornire e precisare il contesto che ha permesso l’elaborazione di una data norma giuridica. L’antropologia attraverso la comparazione di registri diversi del sapere all’interno di una stessa cultura Ŕ spesso in grado di far emergere il sotteso sistema di codificazione sociale, illuminando norme ed espressioni in tutte le loro articolazioni e sequenze. Da qui la scelta di un approccio emic, che guardi cioè al punto di vista degli attori sociali, alle loro credenze e ai loro valori e che apra al mondo concettuale in cui vivevano i Romani. Il gruppo di ricerca non intende dunque promuovere un mero studio interdisciplinare del diritto romano andando di volta in volta a rintracciare se e quanto esistano reciproche influenze – come del resto Ŕ ovvio che sia – ma intende indagare in che misura il ius orienti la lingua, lo spazio, la religione, le immagini, la comunicazione teatrale, tutti gli ambiti del vivere quotidiano di Roma. Si tratta di uno studio di struttura e non di influenza.
    Sono stati organizzati due colloqui internazionali presso l’Ateneo sannita.
    Il primo “Per un’antropologia del diritto romano" nell’aprile del 2015 ha integrato le metodologie proprie dell’antropologia e del diritto romano esaminando il senso che i Romani davano ai termini fas e ius e a personificazioni come Fides, Iustitia, Aequitas e sondando i rapporti di parentela nelle fonti giuridiche e nelle controversie retoriche. Dall’incontro del 2015 è scaturito il libro Giuristi nati (Bologna, Il Mulino 2016) con contributi di Maurizio Bettini, Bruce Lincoln, Aglaia McClintock, Lauretta Maganzani, Graziana Brescia, Mario Lentano e Giunio Rizzelli.
    Il secondo convegno internazionale “Mitologie del ius. Storie, luoghi Istituzioni” che si Ŕ tenuto nel maggio 2018 ha affrontato le leggende che accompagnano non solo la nascita di Roma in generale, ma anche alcuni momenti fondanti delle sue principali istituzioni giuridiche e sociali. Il volume che raccoglie e rielabora i testi presentati dai partecipanti, verrÓ stampato ancora presso il Mulino col titolo Mitologie del ius. Storie, luoghi, istituzioni e vedrÓ i contributi di Maurizio Bettini, Luigi Garofalo, Aglaia McClintock, Graziana Brescia, Mario Lentano, Carlo Pelloso, Cristiano Viglietti e Gianluca De Sanctis.

    Responsabile: Aglaia McClintock

    Gruppo di ricerca: Maurizio Bettini (AMA), Graziana Brescia (UniversitÓ di Bari), Luigi Garofalo (UniversitÓ di Padova), Mario Lentano (AMA), Aglaia McClintock (UniversitÓ del Sannio), Carlo Pelloso (UniversitÓ di Verona), Leo Peppe (UniversitÓ di Roma 3), Francesca Prescendi (UniversitÚ de GÚneve), Giunio Rizzelli (UniversitÓ di Foggia), Cristiano Viglietti (AMA), Gianluca De Sanctis (UniversitÓ di Teramo).

    Colloqui internazionali
    Benevento 20-21 aprile 2015Giuristi nati (Bologna, Il Mulino 2016)
    Benevento 23-24 maggio 2018Mitologie del ius. Storie, luoghi, istituzioni (di prossima pubblicazione)