illustrazione
Università degli Studi di Siena
Sezione di Preistoria
... / Dipartimenti / Sezione di Preistoria /

Collaborazioni

Centro di Ricerca Interuniversitario per lo Studio e
Valorizzazione delle Culture Tecnologie e Paesaggi Preistorici

interuni.jpg

Da luglio 2009, dal rapporto di collaborazione tra la sezione di Preistoria del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, con il Dipartimento di Scienze Storiche, Archeologiche e Antropologiche dell’Università la Sapienza di Roma e il Dipartimento di Archeologia dell’Università di Tromsø (Norvegia) nasce il Centro di Ricerca Interuniversitario per lo Studio e Valorizzazione delle Culture Tecnologie e Paesaggi Preistorici.
Il Centro si propone di sviluppare ricerche nel settore dell’Archeologia preistorica finalizzate all’interpretazione delle culture, delle tecnologie produttive, dell’ambiente e dei paesaggi che precedono l’età storica sia in ambito italiano che europeo.
Gli indirizzi di ricerca fondamentali riguardano: la ricostruzione del paesaggio preistorico e le modalità di utilizzo del medesimo da parte delle comunità preistoriche; la sperimentazione applicata all’interpretazione culturale e sociale dei dati materiali ma anche alla divulgazione del patrimonio archeologico preistorico; lo studio delle produzioni materiali e lo sviluppo delle metodologie per le analisi tipologiche dei manufatti.
In particolare il Centro promuove studi indirizzati all’individuazione di aree preferenziali di frequentazione in un determinato contesto geografico; all’individuazione delle strategie insediative connesse a queste frequentazioni attraverso il riconoscimento di vie di transito e comunicazione; al riconoscimento nei diversi territori delle specifiche risorse ambientali, del suolo e del sottosuolo sfruttate dalle comunità preistoriche. Il Centro elabora i dati delle varie ricerche messe in atto per sviluppare il concetto di “paesaggio preistorico” in termini di bene culturale autonomo da valorizzare con promozioni didattiche sia per il grande pubblico che per gli specialisti.
Oltre a ciò il Centro ha l’obiettivo di elaborare protocolli sperimentali finalizzati alla formulazione di ipotesi interpretative riguardanti lo studio di antichi cicli produttivi e tecnologie di fabbricazione e utilizzo dei manufatti litici, ceramici, metallici, organici che costituivano lo strumentario delle comunità preistoriche. Parallelamente particolare attenzione viene data alle tematiche metodologico finalizzate alla caratterizzazione dei manufatti preistorici su base tipologica allo scopo di impiegare la tipologia come strumento puntuale per la seriazione crono-culturale delle culture preistoriche.
come strumento importantissimo di divulgazione sia per il grande pubblico che per gli specialisti.
Il Centro svolge la propria attività di ricerca attraverso la cooperazione scientifica con Enti di ricerca universitari e extrauniversitari, italiani e stranieri, non facenti parte del Centro ma competenti per le specifiche iniziative promosse dal Centro: Laboratori di Archeometria, Paleoecologia, Geotecnologie ecc.
Il Centro inoltre intende sviluppare il concetto di “riproduzione sperimentale” finalizzato alla promozione della divulgazione del patrimonio archeologico di età preistorica presso le sedi operative delle singole Università partecipanti e nei territori ove hanno sede le principali attività di ricerca, operando nelle scuole di ogni ordine e grado, presso le Istituzione delle singole Amministrazioni, presso Parchie e Musei. A tale scopo vengono effettuate pubblicazioni, musealizzazioni, mostre temporanee, riproduzioni sperimentali temporanee o permanenti, eventi.

Convenzioni Erasmus

logo_ipt.JPG
Instituto Politécnico de Tomar (Porugal) vai al sito

logo_tromso.png
University of Tromsø-Dpt of Archaeology and Social Anthropology (Norwey) vai al sito

logo_malta.jpg
University of Malta-Dpt. of Classics and Archaeology (Malta) vai al sito

logo_paris.jpg
Universitè Paris Ouest, Nanterre La Défense (France) vai al sito

uam_logo.jpg
Uniwersytet im. A. Mickiewicza w Poznaniu-Instytut Prahistorii (Poland) vai al sito