illustrazione
Università degli Studi di Siena
Sezione di Preistoria
... / Dipartimenti / Sezione di Preistoria /

Laboratori e strumentazione

Laboratori

labo.jpg

All’interno della Sezione, la ricerca si sviluppa in laboratori specializzati, dedicati ad alcuni temi e alle metodologie di indagine impiegate nelle ricerche condotte dallo staff della Sezione.

Laboratorio di Antropologia

Referenti: dott. Mauro Calattini

Il laboratorio di Antropologia è dedicato allo studio dello scheletro umano e alla sua evoluzione. Nel laboratorio è possibile apprendere nozioni relative alla antropologia fisica, ai criteri antropometrici e al riconoscimento dei distretti scheletrici. Peculiare del laboratorio è la possibilità di prendere visione dello scheletro umano nelle diverse tappe evolutive che hanno caratterizzato il processo di “ominazione”. All’interno del laboratorio, in collaborazione con il Laboratorio di Informatica Applicata alla Ricerca Preistorica, è possibile intraprendere studi tafonomici attraverso metodi informatici. Il laboratorio si avvale delle ricche collezioni osteologiche umane, particolarmente notevoli per la ricchezza di crani, originali e riproduzioni, pertinenti a differenti tipi umani antichi. Con le sue collezioni il laboratorio è di supporto agli insegnamenti di Paleontologia Umana e Antropologia. Svolge attività seminariali e di tutoraggio per lo svolgimento di stage e tesi di laurea.

Laboratorio di Informatica Applicata alla Ricerca Preistorica

Referenti: dott.ssa Giovanna Pizziolo

Il laboratorio è dedicato alla sperimentazione e allo sviluppo di metodi informatici applicati alla ricerca preistorica. Oltre alle attività di gestione e archiviazione delle informazioni attraverso la realizzazione di database relazionali e l’acquisizione digitale dei dati di scavo, il laboratorio è particolarmente impegnato nella realizzazione di GIS intra site e inter site focalizzati nell’interpretazione dei contesti preistorici. A tale scopo sono in corso sia censimenti delle informazioni edite finalizzate alla realizzazione di cartografia archeologica tematica che elaborazioni di dati inediti provenienti dalle indagini svolte nel territorio. Le analisi spaziali dei dati svolte in laboratorio sono fortemente correlate alla ricerca sui paesaggi preistorici e alla pianificazione delle attività sul campo in ambito toscano e pugliese portate avanti dagli insegnamenti di archeologia preistorica del Dipartimento. Al contempo le indagini a scala sito utilizzano tecniche di rilievo e di analisi tridimensionale sviluppate attraverso sistemi proprietari e open source. Le analisi intra site dei contesti insediativi funerari e produttivi ha consentito la lettura delle paleosuperfici fornendo interpretazioni funzionali e tafonomiche. Il laboratorio offre inoltre competenze relative alle elaborazioni fotogrammetriche da svolgere a scala scavo e in ambito territoriale. Il Laboratorio partecipa a progetti di ricerca in collaborazione con Enti pubblici e privati.
Il laboratorio è di supporto agli insegnamenti di archeologia preistorica e svolge attività seminariali e di tutoraggio per la realizzazione di stage e tesi di laurea, queste ultime anche in collaborazione con altri atenei.


Laboratorio di Disegno

Referenti: dott. Omar Filippi, dott.ssa Stefania Poesini

Il laboratorio di disegno è dedicato ad illustrare le tecniche di rappresentazione manuale e digitale dei manufatti di età preistorica. Oltre al disegno tradizionale si dedica alla produzione di repliche realizzate con strumentazione digitale al fine di ottenere prodotti tridimensionali. Il laboratorio è in grado di fornire competenze relative alla resa grafica dei manufatti con precipua specializzazione per quelli litici. Presso il laboratorio è inoltre possibile formarsi nelle tecniche per il rilievo sul campo di paleosuperfici di contesti preistorici. Il laboratorio è di supporto agli insegnamenti di archeologia preistorica e svolge attività seminariali e di tutoraggio per la realizzazione di stage e tesi di laurea.

Laboratorio di ceramologia e industrie litiche

Referenti: dott.ssa Nicoletta Volante, dott. Leonardo Carmignani

Il laboratorio si occupa dello studio tipologico e tecnologico dei manufatti ceramici, litici, in materia dura animale e in metallo. Le attività del Laboratorio sono mirate a fornire competenze nello studio analitico dei manufatti attraverso l’osservazione diretta di essi possibile grazie all’ausilio di importanti serie didattiche. Lo studio dei materiali è completato dall’archiviazione e gestione dei dati di analisi su data base specifici. Il riconoscimento delle materie prime e del loro approvvigionamento è consentito da un’importante litoteca che fornisce un’ampia collezione di confronto per i litotipi italiani. All’interno del laboratorio è possibile completare lo studio tecno – tipologico dei reperti litici con analisi traceologiche. Il Laboratorio partecipa a progetti di ricerca in collaborazione con Enti pubblici e privati. Recentemente, con la partecipazione al progetto SIMUS, si occupa anche delle visite guidate alle collezioni didattiche dedicate ai materiali preistorici. Il laboratorio è di supporto agli insegnamenti di archeologia preistorica e svolge attività seminariali e di tutoraggio per la realizzazione di stage e tesi di laurea.

Laboratorio di Archeologia Sperimentale

Referenti: dott.ssa Nicoletta Volante

Il Laboratorio nasce nel 1998-99 con l’attivazione dell’insegnamento di Archeologia sperimentale, frutto dell’intensa attività sperimentale condotta, dagli anni ‘970, all’Università di Siena, dal prof. Attilio Galiberti nell’ambito degli studi tecnologici sulle industrie litiche. Oltre a specifiche finalità relative all’insegnamento della Preistoria, il Laboratorio coadiuva lo studio di alcuni contesti di epoca pleistocenica e olocenica indagati dal Laboratorio di Archeologia Preistorica conducendo test nell’ambito della tecnologia ceramica, litica, archeometallurgica e della produzione del fuoco. Agli obiettivi finalizzati alla ricerca archeologica, il Laboratorio affianca progetti di divulgazione e didattica, nella Provincia e in altre aree della Toscana, presso Scuole ed Enti pubblici e privati. Nel 2007, con il Museo Civico per la Preistoria del Monte Cetona e l’ausilio di FMS ha dato vita, all’Archeodromo di Belverde nel Parco Archeologico Naturalistico di Belverde a Cetona (SI). Nel progetto del percorso “Vietato non toccare” ha sviluppato un linguaggio plurisensoriale tattile-olfattivo traducendo dati archeologici in repliche sperimentali. Il Laboratorio ha stimolato associazioni di giovani archeologi che attualmente operano a scala provinciale, regionale e nazionale con obiettivi di divulgazione, didattica, allestimenti museali, supporto alla ricerca archeologica. Il laboratorio è di supporto agli insegnamenti di archeologia preistorica e svolge attività seminariali e di tutoraggio per lo svolgimento di stage e tesi di laurea.