Università degli Studi di Siena Biblioteca Centrale di Farmacia
Percorso corrente: Home > Strumenti > Guide > Citazioni bibliografiche in una tesi

Citazioni bibliografiche in una tesi



Scopo di questa guida è dare delle indicazioni su come si costruisce una bibliografia all'interno di una tesi.

Le citazioni bibliografiche descrivono i documenti a cui si fa riferimento e ne riportano le caratteristiche principali (autori, titolo, data, ecc.); sono costituite da una serie di elementi che si succedono in ordine fisso e che sono scritti in un determinato formato (in tondo, corsivo, abbreviato o per esteso).
Le citazioni vanno elencate in ordine alfabetico secondo l'autore ed in assenza di esso per il titolo della pubblicazione.

Come si cita una monografia

La notizia bibliografica è data con la seguente successione: Cognome in maiuscolo, Nome (più autori della stessa pubblicazione vengono dati in successione), il Titolo del documento è sempre in corsivo, le altre responsabilità (per esempio il nome del traduttore o del curatore) seguono il titolo, numero di edizione della pubblicazione e successivamente il luogo di edizione, l'editore e la data.

COGNOME, Nome. Titolo: sottotitolo, altre responsabilità. Numero di edizione. Luogo: Editore, anno.

Esempio:

  • SILVERSTEIN, Robert M. e Webster, Francis X. Identificazione spettroscopica di composti organici, ed. italiana a cura di Giovanni Casiraghi e Luigi Pinna. Milano: CEA, 1999.
  • STRYER, Lubert. Biochimica. 4.ed. Bologna: Zanichelli, 1996.
  • TANAKA, Koichi. Solvent-free organic Synthesis. Weinheim: Wiley, 2003.

Come si citano gli articoli (detti anche spogli) contenuti in una monografia

A volte delle monografie, anzichè presentarsi come un volume unico, sono costituite da articoli spesso opera di molti autori diversi. I vari articoli contribuiscono nel loro insieme a trattare diversi aspetti di un tema generale, che è l'oggetto della monografia. Queste opere possono avere per cui uno svariato numero di autori, mentre la raccolta e l'organizzazione sono curati da uno o pochi curatori.

Lo spoglio da una monografia avrà dopo il titolo e il sottotitolo in corsivo la locuzione In: seguito dalla descrizione della pubblicazione che contiene il documento citato ed il numero delle pagine.

COGNOME, Nome. Titolo: sottotitolo. In: Cognome, Prenome. Titolo:sottotitolo. Luogo: Editore, anno, p. x-y.

Esempio:

  • KENNEDY, John D. Disobedient skeletons. In: CASANOVA, Joseph. The borane, carborane, carbocation continuum. New York: Wiley, 1998, p. 85-116.

Come si cita una monografia non pubblicata (ovvero letteratura grigia)

Con l'espressione letteratura grigia si indicano i documenti che non sono stati pubblicati da un editore, ma che possono costituire materiale di riferimento. In questa categoria possiamo comprendere le relazioni, i rapporti interni ad un'azienda o ad una istituzione pubblica, o anche le tesi di laurea o dottorato.

La citazione di un documento di letteratura grigia è simile a quello di una monografia, manca tuttavia l'indicazione dell'editore. La natura del documento può essere specificata dopo il titolo.

COGNOME, Nome. Titolo: sottotitolo. Tesi di laurea in ...

Esempio:

  • VOURDOUMPA, Anna-Vasiliki. Possibili impieghi di Ginkgo biloba nella disfunzione erettile: attività farmacologica nel coniglio. Tesi di laurea in Farmacia, Università degli Studi di Siena, a.a. 2001/2002.

Come si cita lo spoglio da un periodico

Lo spoglio da un periodico avrà dopo il titolo ed il sottotitolo in corsivo il nome della rivista tra virgolette ed in caratteri tondi seguito dall'annata, dalla data tra parentesi, dal numero di fascicolo e dalle pagine.

COGNOME, Nome. Titolo: sottotitolo, "Titolo della rivista", annata, (data), fascicolo, p. x-y.

Esempio:

  • DABIDEEN, Darrin, RUAN, Zhemina e MOOTOO, David R. 1,2 Isopropylidene-5-alkene templates for the synthesis of oligotetrahydrofurans, "Tetrahedron", 58, (march 2002), fasc. n. 11, p. 2077-2084.

Come si citano gli atti di un convegno

Questi sono formati da numerosi articoli ciascuno opera di autori diversi e con proprio titolo, i vari articoli sono raccolti ed organizzati dai curatori degli atti. La citazione dopo il titolo ed il sottotitolo in corsivo avrà la locuzione In:

COGNOME, Nome. Titolo: sottotitolo. In: indicazione degli atti del convegno.

Esempio:

  • RUSSO, Pierluigi. Pharmacoeconomics and outcomes research: a new challenge for the pharmacologist. In: VII Seminario nazionale per dottorandi in farmacologia e scienza affini: Siena, Certosa di POntignano, 27-30 settembre 2003. Siena: 2003, p. 65-68.

Come si citano i documenti in internet

La citazione di un documento in internet è simile a quelli fino ad ora descritti, con l'aggiunta dell'indirizzo internet completo e della data di accesso. Nel caso in cui è necessario citare un contributo estratto da un CD-Rom, tale informazione va riportata fra parentesi quadra dopo il titolo nel seguente modo [CD-Rom].

COGNOME, Nome. Titolo: sottotitolo. <indirizzo internet completo> (data di consultazione).

COGNOME, Nome. Titolo: sottotitolo, "Titolo del periodico", annata, (data), fascicolo, p. x-y. <indirizzo internet completo> (data di consultazione).

Esempio:

  • NICOLETTI, Mariella. Progetto di studio sugli effetti biologici dell'esposizione a campi elettromagnetici. <http://www.istitutobioetica.org/global_bioethics/bioetica_ambientale/articoli/nicoletti.htm> (accesso effettuato il 22 marzo 2004).
  • JIAN, Hu ... [et.al.]. Binding of La3+ to Calmodulin and its effects on the interaction between Calmodulin and Calmodulin Binding Peptide, Polistes Mastoparan, "Biochemistry", 43, (March 16, 2004), fasc. n.10, p.2688-2698. <http://pubs.acs.org/cgi-bin/article.cgi/bichaw/2004/43/i10/pdf/bi035784i.pdf>, (accesso effettuato il 22 marzo 2004).

Indice del sito Contenuti e realizzazione:
Biblioteca Centrale Farmacia
Ultima modifica: 05.09.2007