Università degli Studi di Siena Biblioteca Centrale di Farmacia
Percorso corrente: Home > Strumenti > Farmacopee e repertori > Farmacopee

Farmacopee


British Pharmacopoeia (6. ed. 2010)

La British Pharmacopoeia 2010 contiene i parametri ufficiali che regolano le sostanze medicinali e farmaceutiche e i preparati in formula.
Si articola in cinque volumi: quattro sono dedicati ai testi europei e britannici che, pur restando distinti in modo chiaro ed immediato, sono ricchi di riferimenti incrociati; il quinto volume è invece riservato agli standard farmaceutici inerenti alla veterinaria.

Disponibile su supporto cartaceo ed in cd-rom

European Pharmacopoeia (6. ed. 2009)

Pubblicata con il patrocinio della Commissione europea per la qualità dei farmaci, l'European Pharmacopoeia è un opera di consultazione che permette di conoscere gli standard farmacologici più aggiornati in vigore all'interno di 27 paesi europei e di altri 7 stati extraeuropei.
Fornisce le basi indispensabili per garantire la qualità dei farmaci in commercio e si occupa di: sostanze attive chimiche sintetiche, prodotti naturali, prodotti biologici e biotecnologici, vaccini per uso umano, vaccini veterinari, prodotti minerali, prodotti radiofarmaceutici, eccipienti, contenitori, moduli di dosaggio, preparazioni omeopatiche, regole di somministrazione.
L’opera si compone di due volumi base e di un totale di dieci supplementi non cumulativi, pubblicati tre volte all’anno. In vigore dal 1° gennaio 2008, nelle due lingue ufficiali del Parlamento Europeo, inglese e francese.

Disponibile su supporto cartaceo

Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana (XII ed. 2008)

La Farmacopea, emanata dallo Stato, registra i nomi di tutti i preparati farmaceutici in uso, le relative formule molcolari, i metodi di preparazione, i requisiti analitici, la loro purezza e le loro caratteristiche.
La Farmacopea nasce dall'incontro fra la dimensione scientifica e quella politica: fin dai tempi antichi le stesse Autorità ordinarono che nei territori soggetti alla loro giurisdizione si compilassero Ricettari, il contenuto dei quali veniva reso obbligatorio e quindi vincolante per i medici che li prescrivevano e soprattutto per gli speziali che li preparavano. L’ iter è stato il seguente: dagli “Antidotari”, repertori redatti dai singoli medici, ai Ricettari (fine XV sec.), alle Farmacopee italiane dei secoli XVI, XVII, XVIII, a quelle pre-unitarie, alle Farmacopee Sabaude e del Regno d’ Italia fino a giungere alle Farmacopee Ufficiali della Reubblica Italiana.
Con l’ultima edizione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana (FUI XII), 2008, è stato apportato un ulteriore contributo a quel processo di adeguamento della Farmacopea Italiana all’ Europa, processo iniziato nel 1998 con la pubblicazione della X edizione.

Disponibile su supporto cartaceo ed in cd-rom

International Pharmacopoeia (4. ed. 2006)

La 4. edizione della Farmacopea Internazionale (2006), pubblicata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità OMS/WHO, fornisce le raccomandazioni sulle norme tecniche e la qualità, sui metodi di analisi per prodotti farmaceutici selezionati oltre che su eccipienti e dosaggi.
L’opera è divisa in due parti: la prima contiene una guida per la corretta esecuzione e applicazione di alcuni test generali e metodi utilizzati nel controllo di qualità; nella seconda parte, la più estesa, sono presenti le monografie su 24 sostanze comprese nel WHO Model List of Essential Drugs, ciascuna con l'esatta istruzione sui test richiesti e i metodi.
Sono presenti, inoltre, monografie sugli eccipienti, solventi, agenti acidificanti, compresse e capsule, su leganti e diluenti, sospensioni, agenti per la viscosità, stabilizzatori e "surfactant".
La International Pharmacopoeia si conclude con monografie riguardanti 39 preparazioni formulate come capsule, compresse, iniezioni e polveri. iniettabili. Le procedure che vengono segnalate rappresentano un riferimento per tutti gli Stati membri che desiderino confrontarsi con i requisiti della Farmacopea Internazionale.

Disponibile in cd-rom

Japanese Pharmacopoeia (14. ed. 2001)

La Japanese Pharmacopoeia è stata promulgata nel 1996 per decreto del Ministero della Sanità, sotto la supervisione del Dipartimento dello Sviluppo e della Ricerca. Costituisce dunque la raccolta ufficiale degli standard farmaceutici giapponesi ed è utilizzata in tutta l'Asia.
Affinché svolga con efficacia il suo ruolo di riferimento, l'organismo ufficiale che se ne occupa ha sancito che i suoi testi e i suoi articoli dovessero descrivere non solo i parametri qualitativi delle sostanze ivi contenute, ma anche il loro livello qualitativo in via di principio.
La Japanese Pharmacopoeia contiene disposizioni e regole generali per i preparati, test generali inerenti ai processi e agli apparati, norme per l'utilizzo farmaceutico dei raggi infrarossi, oltre ad una serie di monografie su droghe e sostanze particolari.

Disponibile su supporto cartaceo ed in cd-rom

The United States Pharmacopeia (USP 33) and The National Formulary (NF 28)

Pubblicata da “The United States Pharmacopeial Convention” è in vigore dal 1 maggio 2010 fino al 30 aprile 2011. L’opera si compone di tre volumi base e due supplementi.
Gli standard pubblicati, obbligatori per legge negli Stati Uniti, ma largamente riconosciuti e utilizzati in tutto il mondo, descrivono minuziosamente i farmaci, lo standard di preparazione, la loro azione e gli effetti collaterali. Forniscono inoltre una serie di test, metodi analitici, procedure e criteri di accettazione che contribuiscono a definire in maniera completa l’identità delle sostanze, il loro potere di azione, la qualità e la purezza.
Particolare attenzione viene rivolta alle terapie genetiche ed ai prodotti dietetici. Importanti le indicazioni sulle modalità di imballaggio e sui requisiti necessari per eseguire il corretto immagazzinaggio ed etichettatura dei prodotti.

Disponibile su supporto cartaceo

Indice del sito Contenuti e realizzazione:
Biblioteca Centrale Farmacia
Ultima modifica: 02.12.2010