PRESENTAZIONE
 

Il seminario ha l'obiettivo di analizzare le modifiche apportate al codice dei beni culturali e del paesaggio, dal decreto legislativo 26 marzo 2008, n. 63, e le recenti interpretazioni, proposte in materia dalla giurisprudenza di merito e di legittimità. Saranno esaminati i profili giuridici e tecnici della novellata definizione di paesaggio, il rinnovato procedimento d'individuazione dei beni paesaggistici, i nuovi modelli di governance del paesaggio, le forme di tutela e pianificazione ambientale e rurale "integrata", le modifiche al procedimento di autorizzazione paesaggistica, le forme di tutela del paesaggio, mediante il restauro e la demolizione. Saranno illustrate le nuove istanze di formazione in materia di architettura del paesaggio ed analizzati alcuni leading-case in materia di pianificazione paesaggistica regionale e provinciale ed in materia di pianificazione comunale. Si esamineranno le diverse forme di attuazione della Convenzione Europea del Paesaggio, nella prospettiva giuridica, culturale ed economica.

Lo studio della materia seguirà un approccio metodologico multidisciplinare, privilegiando l'interazione tra il diritto, l'architettura, e le scienze di pianificazione territoriale. L'organizzazione didattica, vedrà l'alternarsi ed il confrontarsi di differenti esperti (docenti universitari, dirigenti del Ministero dei Beni e Attività Culturali, architetti, avvocati, dirigenti enti locali), i quali affronteranno gli aspetti teorico-pratici, in lezioni ed attività didattiche partecipate, destinate a studiosi della materia, ad operatori della tutela paesaggistica ed a professionisti pubblici e privati, senza la necessità del possesso di alcuno specifico titolo di studio.